Caciarola

È una ciotola dalla linea semplice utilizzata per la manipolazione del latte cagliato e per la raccolta del siero di avanzo dal formaggio.

Ciotola bassa dal profilo a tronco di cono. Presenta sul bordo tre becchi lievemente aggettanti disposti ad’ equa distanza tra loro. È verniciata solo internamente e viene realizzata di colore giallo o bianco meccato. .

Mungitore

È il recipiente destinato alla mungitura delle pecore. In conseguenza di ciò, la sua foggia è progettata e realizzata a favorire tale operazione.

Di foggia lineare con parte del bordo abbassata opposta ad un becco trilobato e due manici laterali che permettono una presa favorevole per lo svolgimento delle operazioni di posizionamento e versamento del latte. Si presenta completamente grezzo all’esterno e smaltato in giallo o bianco meccato al suo interno..

Piatto Rosso

È chiamato anche tegghia o tiella a seconda dei territori.
Questo grande piatto veniva usato in numerose occasioni:
durante il pranzo quotidiano era posto in mezzo alla tavola ed era il contenitore da cui ciascuno prendeva la sua parte di cibo; era la grande scodella in cui la massaia impastava pane e dolci o condiva le cotture delle erbe con dei fantasiosi “frecantò” (miscuglio di erbe). Ma era anche usato per raccogliere il sangue del maiale e per condire la carne salata destinata alla lavorazione degli insaccati.

Grande ciotola decisamente svasata. Ha cavetto conchiforme e tesa con labbro a tondino. Verniciata internamente con cristallina e ossido di ferro, assume un colore marrone tendente al rosso, (da questo il suo nome), su cui vengono aggiunte maculature di colore nero manganese..

Arte della Bottega
di Bozzi Anna Maria

Da 160 anni la bottega artigiana Bozzi è conosciuta nel territorio piceno per la produzione in terracotta di vasellame da cucina. Ancora oggi i manufatti, molti dei quali sono parte della tradizione montottonese, vengono realizzati al tornio. La bottega, grazie all'artigiano Mario Bozzi, continua infatti a produrre con successo i manufatti tradizionali, dedicandosi allo stesso tempo a lavori particolari realizzati su commissione, come ornamenti architettonici in cotto o maiolica, stemmi araldici e oggetti d'arredamento. I figli hanno inoltre arricchito la produzione della bottega con una continua ricerca verso la contemporaneità, cercando nuove sovrapposizioni tra artigianato e arte. Annamaria ed Emanuele hanno infatti saputo raggiungere nel proprio lavoro un giusto equilibrio tra nuove esigenze del mercato e tradizione, con una produzione classica rimasta inalterata, e manufatti ceramici più moderni, rispondenti di volta in volta alle specifiche esigenze del cliente. L'attività produttiva della bottega è affiancata alla didattica presso scuole, enti pubblici e privati, ma è aperta anche ad ospitare chi semplicemente desideri conoscere il mestiere del vasaio.